Il regime del reverce charge, per le cessioni di fabbricati strumentali per natura, applicabile dal 1° marzo 2008

 

 A cura del Dott. Francesco Tanini - Ordine Dottori Commercialisti di Firenze

La legge 24.12.2007 n. 244 (Finanziaria 2008) – mediante la introduzione della lettera a-bis nel sesto comma dell’art. 17 del D.P.R. 633/72 – con effetto dal 1° marzo 2008 – ha reso applicabile il regime IVA del reverce charge alle cessioni di fabbricati strumentali per natura che siano imponibili sia per effetto della opzione, esercitata dal cedente nell’atto di cessione (art. 10, comma 8 ter, lett. d), sia che siano imponibili naturalmente, in quanto effettuate nei confronti di soggetti con pro-rata non eccedente il 25% (art. 10, comma 8 ter, lett. b).-

Il regime IVA applicabile alle cessioni aventi ad oggetto fabbricati, strumentali per natura, dal 1° marzo 2008, è conseguentemente il seguente:

-        le cessioni di detti fabbricati sono esenti da IVA (art. 10, comma 8 ter);

-        dal regime di esenzione sono escluse le cessioni di detti fabbricati, previste dall’art. 10, comma 8-ter, lett. a - b - c – d, che pertanto sono soggette ad IVA; trattasi delle seguenti fattispecie:

a)      quelle effettuate, entro quattro anni dalla data di ultimazione della costruzione o dell’intervento, dalle imprese costruttrici o dalle imprese che vi hanno eseguito, anche tramite imprese appaltatrici, gli interventi di cui all’art. 31, primo comma, lettere c), d) ed e), della legge 5 agosto 1978, n. 457;

b)     quelle effettuate nei confronti di cessionari soggetti passivi d’imposta che svolgono in via esclusiva o prevalente attività che conferiscono il diritto alla detrazione d’imposta in percentuale pari o inferiore al 25%;

c)     quelle effettuare nei confronti di cessionari che non  agiscono nell’esercizio d’impresa, arti o professioni;

d)     quelle per le quali nel relativo atto il cedente abbia espressamente manifestato l’opzione per l’imposizione ai fin IVA.-

Alle fattispecie di cui alla lett. b ed alla lettera d si applica, come esposto, il regime del reverce charge (art. 17, primo comma, lett. a bis, introdotto con la legge 244/2007).-